Miglior Prezzo Ray Ban

Archiviati definitivamente Sean Connery e Roger Moore, è definito uno dei più noiosi film della serie perché poco british, troppo americano e veramente poco affine con il mondo creato da Ian Fleming. Niente di più che un puro spettacolo commerciale di elevato livello produttivo. Oltretutto, fu difficilissimo da girare per Apted che, solo per le sequenze iniziali girate sul Tamigi, ci mise ben 7 settimane.Gli ultimi filmDopo questo insuccesso, nel 2004, traspone il romanzo omonimo di Robert Harris Enigma, prodotto da Mick Jagger e dalla sua Jagged Film e ispirato alle vicende di Alan Turing.

Identità rubate, sottoscrizioni ad abbonamenti non graditi, alberghi fantasma. Di truffe online se ne contano tante, troppe. Un ginepraio di bufale da scartare e tranelli da schivare. Nel 2007 vengono pubblicati suoi articoli sui quotidiani Corriere della Sera, La Repubblica e Il Resto del Carlino. La Fazi Editore pubblica il libro I nostri ponti hanno un’anima, voi no Lettere ai politici con interventi di vari intellettuali, concludendo con una pesante requisitoria di Cremonini sui politici dei giorni nostri.Il 26 settembre 2008 viene pubblicato il suo quarto album, intitolato “Il Primo Bacio Sulla Luna”. A dieci anni dall’uscita di “50 special”, esce il primo libro di Cesare (edito da Rizzoli) intitolato “Le ali sotto ai piedi”.

Ci sono film che effettivamente favoriscono l’anamnesi e l’autoanalisi, emergendo i fantasmi o i passeggeri oscuri che ci portiamo dentro. Non sconfiggono malattie e nemmeno combattono le patologie, eppure questi film curano, raccontando storie di cura anche quando non è proprio possibile curare, guarire. Still Alice, scritto e diretto da Richard Glatzer e Wash Westmoreland, compagni nell’arte e nella vita, appartiene al ‘genere terapeutico’ e fornisce allo spettatore una spiegazione e un’argomentazione emozionale del morbo di Alzheimer, una malattia che comporta il progressivo declino delle facoltà cognitive.

Gli uomini, invece, se ne sbattono, fanno la loro strada, e fanno bene. Siamo noi donne che vogliamo per forza tenere insieme tutto, figli, lavoro, e inseguiamo un ideale impossibile.Il film mette in campo anche la figura della suocera e porta sul grande schermo una protagonista del piccolo: Wilma De Angelis.Wilma De Angelis: non avevo mai partecipato ad un film prima d’ora. Quando mi hanno chiamato ho accetto per incoscienza, poi mi sono trovata benissimo, mi pareva di sognare.

Proprio oggi, quando questa serie televisiva taglia il traguardo dei cento episodi trasmessi (qui in Italia), il suo protagonista Hugh Laurie taglia quello dei cinquanta anni, festeggiando con una gran bella firma su un contratto che lo legherà al suo storico personaggio fino al 2012 per la modica cifra di 400.000 dollari ad episodio. Le cifre di un trionfo autentico.Il primo a non credere a cotanto successo fu lo stesso attore inglese che per tutto il primo anno di riprese, restò in albergo anziché cercare casa, convinto del flop di una serie, e soprattutto di un personaggio, “che potrebbe scioccare e disgustare tutti”. I maligni dicono che il Laurie uomo abbia poca autostima e non sia convinto delle sue capacità artistiche per la mancanza di approvazione da parte della madre (morta tragicamente quando l’attore aveva 29 anni), con la quale ha sempre avuto un rapporto complesso.

Be First to Comment

Lascia un commento